Adrenalink Tattoo

Tatuaggi dal 1993 a Venezia

Recensione Dino Casarin – Power Liner

Quando acquisto delle macchinette, scelgo quasi sempre dei prodotti artigianali.
Un tatuatore , mediamente non ha bisogno di più di 4/5 macchine per lavorare, tuttavia, acquistare macchine prodotte artigianalmente , consente di provare il sistema di settaggio di un altro collega, quindi, di crescere professionalmente. Il costruttore di macchine , infatti, monta le sue macchinette con le sue preferenze di taratura,  questo fa la gran parte della differenza tecnica tra le macchinette “custom” e quelle “production”. Ovviamente una macchina costruita manualmente da un tatuatore avrà dei costi incomparabili con le macchine prodotte a catena.IMG_1292

La prima macchina della quale vi parlerò è un Liner, costruito da Dino Casarin, le foto qui sopra sono proprio quelle della macchina della quale vi sto parlando.

Telaio in ferro , bobine corte, punti di contatto in ottone vite di contatto in rame,tutto custom,Il telaio è brunito.

I punti di forza di questa macchina sono la compattezza e la solidità, ottenuta probabilmente da lavorazione con fresa a controllo numerico, il telaio si presenta pulito,  la base dove vengono ancorate le bobine è dritta , quindi nessun problema di spessoramento per far battere l’armature bar sulla bobina anteriore.

La chiusura a morsa del tubo(tube vise), è extra large, tra le più grandi che possiedo, questo diventa un difetto quando il tubo non scorre nella morsa in modo fluido, ma in questo liner, i tubi scivolano dentro come se ci fosse dell’olio.

La chiusura con mezzo giro di vite è da subito stretta,  con una piccola pressione, si svita il “centesimo” che fa da maniglia, ed il tubo viene rilasciato, una chiusura classica, ma fatta a regola d’arte.

Quel grosso blocco di metallo che costituisce il tube vise, porta molto peso in avanti, ottima scelta visto che la macchina no è leggera, pesa infatti 239grammi, che si sentono appena con grip superiori ai 20mm di spessore, ma che con tubi monouso, potrebbero essere un po’ troppi per un liner.

IMG_1293La battuta è precisa ed elastica, non è un liner velocissimo, ma permette di usare qualsiasi configurazione di aghi da 5 in su. Appena appoggiate gli aghi sulla pelle, sentite subito la morbidezza della battuta, ben frizionata da una corsa medio lunga, le linee che ne fuoriescono, sono dense e solide, indicate per tatuaggi che necessitano di un outline fermo.

Usandola per più di un paio d’ore di seguito, la macchina non ha cedimenti di alcun tipo, non scalda, e traccia come appena iniziato. Sempre grazie al tube vise maggiorato, le vibrazioni che la macchina resituisce alla mano, sembrano quasi dimezzate, fattore importantissimo, quando si ha bisogno di essere precisi.

Il telaio permette anche una configurazione shader, ha infatti un buco già predisposto per permettervi un comodo ri-settaggio quando vi sarete stufati di usarla come liner e desidererete ricostruirla.La macchina comunque è disponibile anche in versione shader.

In conclusione:

Macchina perfetta per chi ha bisogno di un liner che vada intorno ai 100hz,che segni linee solide e precise, mi sentirei di consigliarla ai tribalisti, a chi esegue lavori dove l’outline è importante, personalmente non ci monterei un liner da tre o un ago singlolo, ma per tutte le altre configurazioni va alla grande.

Macchina consigliata a chi piacciono i liner ben frizionati e consistenti.


Nessuna Risposta a “Recensione Dino Casarin – Power Liner”





ATTENZIONE! Inserendo qui il tuo commento garantisci ad Adrenalink Tattoo la possibilità di riprodurre quanto scritto senza nessun limite di utilizzo.
I commenti prima di essere pubblicati vengono controllati, eventuali commenti "inappropriati" sarrano rimossi a discrezione dell'amministratore.


Adrenlink Tattooing Marghera

Home Studio Orario Gallerie Faq Contatti
Blog Crez Manekistefy Rio Shop

Crediti
Privacy