Adrenalink Tattoo

Tatuaggi dal 1993 a Venezia
Archivio articoli per categoria

Manekistefy

Manekistefy interviews Kanae

Some years ago I had the chance to meet Kanae at London Tattoo Convention, we spoke a lot about woman condition in Japan and how tattooing is developing in Japanese culture. I was very happy to share common feelings about being a woman tattooer doing japanese style, that’s not so usual! Kanae loves tattooing, her tattoos are solid and reflect her strong determination. She’s developing her own style, that’s one more thing that I like about her!

Let’s talk about the origins… How did your interesting in tattoo start?


Mostly it’s from music influence. I was in a band from when I was 17 years old and I had lots of friends who’s into Japanese hard core, Punk. Some of my friends had tattoos and I naturally started interested in tattoos. I liked tattoos, because it was underground, different, and strong. I started getting tattoos a little bit later, 21 years old. it took some time to decide to actually get tattoos and set my mind to live with it rest of my life.

When did you decide to become a tattooer?


I was 27 years old. I was introduced my teacher (Makoto/Hocus Pocus Tattoo) by my best friend who also was getting tattoos by him. I started getting tattoo by him. One day he was looking for an assistant for his studio, and asked me if i wanted to get the position. He said he could see that I love tattoos and that I was different from the others. It was great enough for me to do job with something I like. iId never got a job like that before, so I did my 100% naturally. I really enjoying working at the environment. Every day was so exciting and happy. Right after I started working for him, I decided I wanna be a tattooer. It took few month to decide… Being a tattooer in Japan wasn’t easy, and I knew this was gonna be life time serious craft work. I really needed to think well, and resolve myself. But at the end, I was like “Fuck it! I will just do it!”. Since then, everyday I’m happy and I feel so lucky to be a tattooer.

Which kind of difficulties did you find in Japan about learning tattooing?


Even today, Unfortunately Tattoo is still not popular and acceptable in Japanese society. Back in the day was still same. I don’t know if I can say especially difficult from learning tattoos ‘in Japan’. Learning tattoo is difficult in anywhere. Maybe there were some difficult things regarding the society, the culture and the generation. It took some years to build my own customers. Especially because I come from a small city. Mostly I couldn’t make enough money to live, so I had to find second job to pay rent and bills. That made me difficult to find time to sleep, because I didn’t want to cut the time for drawing and tattooing. It was physically hard and some people looked down on me because I am a female tattooer. But it gave me energy to push myself harder to get better. One of my customer told me after i tattoed him: “I didn’t think women can tattoo, but actually you can”. I took it as complement. I want to be a good tattooer and I would like people to do not judge me because of sex, age, race. And I am still trying.

You have a shop in London called “Nine Tails Tattoo” since 6 years. How did London welcome you? Was it difficult to open a shop in the city?


London is a big city, and very cosmopolitan. Everyone got opportunity pretty much equally. Having a tattoo shop in London was not so difficult, if I think about the situation in Japan. At least the landlord wouldn’t refuse you because it’s a tattoo shop! Just getting license took long time and that was stressed! And everything cost a lot. But luckily I had my own customers who follow me from the previous shops where I used work. I was nervous about it at the beginning, but it all worked out! Neighbors are so welcoming, so it was totally fine. I never advertised my shop, I wanted to take my time to build up REAL customers. I’m happy that I’m on a right track so far..!

You do Japanese style tattoo, which is very complicated and has a long history. In your opinion, which are the components that create a beautiful bodysuit?


I think the background is the most important part to creat a bodysuit. Background gives it energy, flow, depth, and strength. If the background is alive, the other motives are also alive. Personally I love strong looking tattoos. Having enough amount of black, and powerful movement give the bodysuit looks badass tattoo! It is difficult… I am still trying!

In your opinion, are there differences between creating a male bodysuit and a female bodysuit?


I haven’t done any full bodysuit to someone yet. But if I get chance to do it in the future, I would do strong powerful one with some warriors or dragons or something mannish images. For women, I would do beautiful flowers, phoenix or something with nice curve flow. Personally for female, I like sleeves but no background or back piece. It’ll look more feminine and suits to natural body shape women have.

Which are your favorite subjects in Japanese tattoo?


It’s definitely Dragons! Dragon is my biggest passion. It’s so strong but not scary way, Such a common subject for tattoo, difficult to draw, so much challenge for me to do it right. I want to do simple subject really cool. Dragon is definitely the one!

Which are the artists that influenced you the most?


My teacher Makoto, Kishi (56 tattoo), Hideo Uchiyama, Horiyoshi 2nd, Horitoku 1st, Filip Lue, Mick, Luke Atkinson, Horitoshi 1st, Asakusa Horiyasu, Yokosuka Horihide, Ed Hardy.
There are so many great tattooers… But my teacher always told me: “see what your master learn from”: like nature, old Ukiyoe. Of course learning from tattooers is very important, but what did they learn from? Learn from their roots. What those legends learnt from? I believe that’s gonna make big different for your possibility in the future.

How do you feel to be a woman doing Japanese Style?


I love it! I used to be a tomboy, so it all make sense to be interested in such a strong powerful tattoos. it’s a difficult challenge and it never end. It gives me the reason to live my life!

Nowadays, do you see differences between Japan and England in being a tattooed woman?


Oh yes, Big time! in England, people love tattooed woman! (at least as far as I know). In Japanese culture, most of the people don’t like stand out from the others. Comfortable to be average… Most Japanese men don’t like tattooed women, so naturally women try to be ordinal looking girl. Kawaii stuff. Also lots of people worry about how the parents will think about tattooed women when they get married. It could be a big problem. Japan looks like very advanced country, but some things are very conservative.

www.ninetailstattoo.com
Instagram: @kanae_tattooer


Female figure in Japanese folklore @parione 9 gallery, Roma by Manekistefy

Dopo il successo di Dusseldorf, il format della mostra curata da Manekistefy rientra nei confini nazionali.
Il 15 Settembre, infatti, ci sarà l’inaugurazione della mostra intitolata “Female figures in Japanese folklore” presso il Parione 9 di Roma dove potrete ammirare una serie di originali, dipinte dalla Nostra Manekistefy, contenenti le figure femminali della tradizione e del folklore giapponese secondo l’immaginario e lo stile pittorico unico di Manekistefy.
Nella cultura occidentale l’idea della donna orientale è spesso, se non sempre, legata alla figura della Geisha. Nella tradizione giapponese invece essa può incarnare distinte personalità: eroina, guerriera, maga, strega o divinità. Tutti questi aspetti sono ben visibili nel corpus delle opere esposte, come ad esempio la Kannon Bosatsu, dea della grazia e della compassione e Benzaiten, protettrice delle arti.
Le radici della raffigurazione femminile in Giappone sono molto antiche e strettamente legate alle religioni dello shintoismo e del buddhismo. Essa
simboleggia l’anello di congiunzione tra l’uomo e la natura e trasmette all’universo forza e passione.
Female figure in japanese folklore conclude così un percorso iniziato a gennaio 2017 con la mostra personale Dragons di Crez, che analizzava un’immagine in particolare dello horimono: il drago. Crez e Manekistefy, compagni nel lavoro e nella vita, entrambi dell’Adreanlink Tattooing di Marghera, focalizzano il loro lavoro e la loro ricerca nella diffusione e nella conoscenza del mondo orientale.

Una tappa fondamentale e obbligatoria per tutti gli amanti della cultura giapponese.
Quindi se siete di Roma o se siete nei paraggi non perdetevi questa occasione!


ADRENALINK TATTOOING 20 YEARS ANNIVERSARY BOAT PARTY

20 anni e non sentirli!

Per festeggiare abbiamo fatto un mega party in un galeone che ha solcato le acque della laguna veneziana!

Una ciurma di pirati mai vista, amici conosciuti in oltre vent’anni di lavoro, collaborazioni e condivisione di qualsiasi tipo di situazione riuniti tutti insieme per una di quelle feste che entrerà nei memoriali della nostra (e speriamo della vostra) storia!

L’intera crew di Adrenalink si è spesa anima e corpo per fare di questo ventennale qualcosa di unico, i dj hanno spaccato i culi, shocca e le sonorità bom-bap della golden age ci hanno fatto saltare in aria come molle: insomma Adrenalink rules again!

Grazie di cuore a Crez e a Manekistefy per tutto quello che hanno costruito in questi anni e grazie a tutti i nostri amici per essere stati presenti in barca come nel nostro percorso!

Qui siamo ancora tutti gasati e siamo ancora pieni di bombe a mano da sganciarvi quindi restate connessi che non finisce qui…

BIG UP per ADRENALINK!

BIG UP per tutti voi!

Quello che segue è la prima parte del reportage fotografico della festa (mille grazie al fotografo Pierpaolo Maso)


“Spring is in the air” per Manekistefy

Aria di primavera in quel di via Beccaria e con l’arrivo delle prime giornate di sole anche lo spirito artistico di Manekistefy ritrova nuova enfasi ed ecco quindi che sono arrivate queste fantastiche creazioni targate dalla nostra tatuatrice preferita!

Due toppe raffiguranti un simpatico Oni e un Daruma di cui abbiamo prodotto anche la spilla per gli amanti dei gadget da collezione.

Le nostre toppe, prodotte seguendo standard qualitativi premium, sono tutte fustellate (come la spilla),  interamente ricamate e non stampate digitalmente.

Siccome all’Adrenalink il motto è “go big or go home” ecco che Manekistefy ha tirato fuori dal cilindro anche delle meravigliose stampe da collezione raffiguranti alcuni dei soggetti più classici dell’iconografia tradizionale giapponese. Inoltre ha disegnato anche una tennyo (dim. 35×70) in edizione super limitata che potrete trovare esclusivamente alla convention di Bologna (31/03, 01-02/04) e prossimamente nel nostro sito e-commerce.

Per qualsiasi info potete passare a trovarci qui nello studio via Beccaria,4 Marghera (VE), scrivere a kaya@adrenalinktattoo.com o continuare a seguire il nostro blog sempre aggiornato con le ultime novità!

Stay tuned and check out our social pages!


NUOVO POSTER per MANEKISTEFY

Oggi vi presentiamo questo nuovo poster appena terminato da Manekistefy!

Questa opera in cui viene raffigurato una Tennyo (creatura celestiale presente nel Buddhismo giapponese) rientra all’interno di una serie di dipinti che verranno presentati alla galleria Parione9 a Roma, il 15 Settembre in occasione di una sua personale il cui tema centrale sarà la figura femminile nell’iconografia giapponese.
A breve vi daremo info maggiori sulla mostra ma nel frattempo abbiamo deciso di realizzare una serie di stampe (70cm X 30cm) ad alta qualità e ad edizione limitata di questa opera che potrete trovare nel nostro stand alla  Tattoo convention di Bologna (31/03 – 02/04) nel nostro studio in via Beccaria e, tenetevi forte, nel nostro sito di e-commerce che è in fase di sviluppo!
Ma nel frattempo se siete interessati scrivete pure a kaya@adrenalinktattoo.com

Stay tuned for more info and check out our social pages!

  • Scritto il 4 marzo 2017 alle 18:19 da Kaya
  • Commenti disabilitati
  • Arte Manekistefy

Teaser di presentazione della mostra di HOKUSAI, HIROSHIGE e UTAMARO

In occasione del centocinquantesimo anno di relazioni diplomatiche tra Italia e Giappone, il 22 Settembre verrà inaugurata a Palazzo Reale a MILANO una mostra da non perdere assolutamente con protagonisti i più famosi e straordinari Illustratori Giapponesi: Hokusai, Hiroshige e Utamaro.
Noi siamo orgogliosi di far parte di questo importante progetto iniziando la promozione della mostra con l’ intervista a Massimiliano Crez Freguja.
La mostra si prolungherà fino al 29 Gennaio 2017.
Seguiteci per sapere tutto sulla grande esibizione e su tutto quello che succederà prima del suo inizio #followthewave


“FEMALE FIGURE IN JAPANESE FOLKLORE” exhibition in Dusseldorf by Manekistefy

Sabato 25 Giugno 2016 alle 19.00 inaugura la mostra di Manekistefy alla galleria 1900 , Düsseldorf (DE),  Ellerstrasse 155,

Questa mostra è stata ideata come percorso attraverso il folklore e le regioni giapponesi scoprendo, tramite dipinti, le varie figure femminili protagoniste della storia, delle fiabe, delle religioni e della tradizione del sol levante, sopratutto nei paesi occidentali, se si pensa alla donna in Giappone nella storia la si associa con facilità alla figura della cortigiana e della geisha tralasciando un intero universo di personaggi rappresentativi e importanti per la cultura nipponica.

Se siete nei paraggi Sabato 25 Giugno vale la pena fare un salto, sennò attendete il prossimo post sul nostro web site, o seguite nei social MANEKISTEFY:
INSTAGRAM: manekistefy_adrenalink
FACEBOOK: manekistefy.adrenalink

BIOGRAFIA MANEKISTEFY:
Socia dello studio Adrenalink Tattooing di Marghera dal 1997, Stefania Cagnin alias Manekistefy inizia a tatuare nel 2001.
Appassionata da sempre di cultura giapponese, dal 2003 viaggia di frequente verso l’isola nipponica per studio e curiosità, apprendendo e praticando lo stile del tatuaggio tradizionale giapponese e quello Kawaii, più spensierato.
Ha partecipato e collaborato a numerose mostre come “Animals” a Venezia, ” Sante Peccatrici” a Roma e “Girls Girls Girls”
a New York oltre a varie conferenze incentrate sul tatuaggio giapponese e la sua storia.

“Mi piace lasciarmi incantare dall’illustrazione: l’impatto che ti regala e la potenza che una bella immagine ti spingono a desiderarla ed ecco che con il tatuaggio diventa ancor più tua”


INTERVISTA CON VIOLA PILAR BEA SULLA MOSTRA “NERO- the flexibility of black”

Di recente il famoso blog inglese ” th-ink ” ha pubblicato una breve intervista fatta da Ilaria Pauletti a Viola Pilar Bea (Tatuatrice e curatrice) per parlare della mostra “NERO - the flexibility of black” presentata il 5 Maggio 2016 alla galleria Parione 9, Roma.
All’interno della mostra potete trovare le opere di diciannove maestri tatuatori provenienti dal Giappone, Stati Uniti ed Europa, tra cui i nostri resident CREZ, MANEKISTEFY, RIO e DIEGOKNORE, accomunati tutti dall’uso del colore nero;  le opere sono state realizzate su vari supporti con tecniche diverse.

“Il Nero è la somma dei colori dello specchio cromatico, nel suo assoluto troviamo un carattere duttile e nella sua drammaticità scopriamo l’enigma della poesia. Negli ultimi anni, nel mondo del tatuaggio, il colore nero ha acquisito un ruolo di rilievo e ne troviamo una sua affascinante applicazione in differenti stili: dal giapponese al tradizionale americano, dal geometrico al classico figurativo fino ad arrivare alle più estreme sperimentazioni come, ad esempio, il decorativo indiano o l’ immaginario dark/alchemico.” (Viola Von Hell)

Godetevi L’intervista.

http://www.th-ink.co.uk/2016/05/27/exhibition-nero-the-flexibility-of-black/


Domenica 15 Maggio WORKSHOP a cura di Manekistefy e Crez alla galleria Parione 9 a Roma

Domenica 15 Maggio per chi fosse a Roma, per l’ esattezza in via di Parione 9 (piazza Navona) alla Galleria Parione9 si terrà un workshop a cura di Manekistefy e Crez sulla storia del tatuaggio Giapponese:

Da centinaia di anni lo horimono ha ispirato ed emozionato generazioni di giapponesi e stranieri, ha radici profonde nel folklore e nella cultura nipponica.
È il primo esempio storico di tatuaggio pittorico policromo, nato per adornare tutto il corpo.
Il tatuaggio figurativo giapponese visse il momento di massimo splendore nel periodo Edo, durante la lenta discesa della figura del samurai e la crescita economica della classe sociale degli artigiani (shokunin) e commercianti .
Lo horimono fu una pratica che crebbe nei quartieri popolari di Edo, come Asakusa e nei quartieri del piacere come Yoshiwara, e fu preclusa alla classe dirigente, che tentò in ogni modo di vietarla.
I disegni del tatuaggio si ispiravano alle stampe dell’ukiyoe che spesso accompagnavano i racconti di eroi valorosi e le loro avventure.
Lo horimono è arrivato fino ai nostri giorni conquistando il gusto occidentale pur restando un clandestino in patria, dove la pratica non è ancora completamente legale ed essere tatuati è una discriminante sociale molto seria; essere Tatuatori è vietato.

Vi aspettiamo

Domenica 15 maggio 2016 – dalle ore 17.00 alle ore 19.00
costo del workshop: 10 € prenotazione obbligatoria

galleria Parione9 via di Parione 9, Roma (piazza Navona)

per maggiori info: email parione9@gmail.com oppure tel. 06 45615644

A seguire un paio di lavori di Manekistefy e Crez..

Crez

Manekistefy

Crez

Manekistefy

Crez

Manekistefy




BOLOGNA TATTOO EXPO

Buongiorno a tutti!
Queste sono un paio di foto che raccontano la nostra gita fuori porta alla Bologna Tattoo Expo.
Oltre alle foto potete vedere un breve video della Live performance di Crez.
Un ringraziamento speciale a Marco Leoni e Genziana..Check it.





Adrenlink Tattooing Marghera

Home Studio Orario Gallerie Faq Contatti
Blog Crez Manekistefy Rio Shop

Crediti
Privacy