Adrenalink Tattoo

Tatuaggi dal 1993 a Venezia
Articoli taggati con

japanesetattoo

Tatuaggio, iniziare col piede giusto.

Hai deciso che ti vuoi tatuare, magari hai appena compiuto 18 anni o ne hai 50,60,80,100 e non ci avevi mai pensato prima, non importa la strada da seguire è la stessa.

1. DOCUMENTARSI
grazie ad internet, potete verificare con i vostri occhi i lavori di tutti i tatuatori che volete, prediligete chi ha un sito internet frequentato e aggiornato. Anche i social network pullulano di tatuatori, instagram è sicuramente il più adatto per farsi una rapida idea.
Il numero di followers non è garanzia di bravura, i followers si comprano facilmente su internet, giudicate sempre e solo secondo il vostro gusto.
Se non siete in grado di giudicare i lavori che vedete,non è
grave, nessuno nasce “imparato”, è meglio fare un passo indietro e capire esattamente che tipo di tattoo ci attraggono istintivamente, capire perchè ci attrae un determinato stile anzi che un altro.  Un neofita sarà facilmente attratto da tatuaggi che rappresentano secondo il suo modo di vedere, complessità, difficoltà di esecuzione, questo è un grave errore di valutazione ed è una delle maggiori motivazioni di rammarico futuro.
La regola d’oro è che dopo esser stati tatuati, dovremmo risultare più belli di prima.
L’eleganza è la prima cosa che guardo in un tattoo personalmente , come cade addosso, come si muove col corpo del soggetto, quanto ne valorizza le forme, se un tatuaggio non migliora la persona che lo porta, per me è un tatuaggio sbagliato indipendentemente dal livello tecnico di esecuzione.

2. FIDARSI DEL TATUATORE
un tatuaggio che riesce bene è il frutto di una collaborazione che instaurate con un professionista.
Dopo che avete scelto chi sarà il vostro tatuatore, andateci a parlare di persona, con le idee chiare su POSIZIONE e DIMENSIONE  del tatuaggio, non fissatevi troppo su disegni e significati perchè anche se puó sembrare strano , non sono la cosa più importante in questa fase, mantenete una mente aperta ai suggerimenti del vostro tatuatore, lui ne vede ogni giorno, se è bravo, vi consiglierà sempre al meglio, altrimenti girate i tacchi è bussate ad un’ altra porta.

NON ABBIATE FRETTA E NON SIATE TACCAGNI

La fretta, è sempre cattiva consigliera, non ci sono scadenze quando si tratta di un segno permanente, prendetevi il tempo che vi è necessario, quando siete decisi, contattate chi vi pare e rispettate i suoi tempi.
Risparmiare sui tattoo è da dementi, i professionisti chiedono delle cifre che sono più che commisurate al lavoro svolto(sopratutto in Italia, dove i prezzi sono tra i più moderati del mondo occidentale, mentre gli standard igienici richiesti sono i più alti al mondo) . Per fare un esempio, un truccatore professionista, ha tariffe molto vicine a quelle di un tatuatore, solo che ha un millesimo della sua responsabilità e non deve utilizzare materiale sterile, ne rischia di contrarre malattie veneree dai propri clienti (fatto salvo per il trucco permanente che però rientra tra le pratiche derivate direttamente dal tatuaggio).
Un tatuaggio vi dura tutta la vita, dividete il suo prezzo per la durata della  vita  media e vedrete come nulla al mondo vi costerà così poco per durare così a lungo.

Ricordatevi inoltre che i tattoo sono un extra,  gli extra si pagano nel momento in cui ce li possiamo permettere.
I tatuatori chiedono tariffe orarie o “a seduta” per i tatuaggi di grande dimensione, un prezzo fisso per i pezzi più piccoli.
Anche se un tatuatore è più economico di un altro nel prezzo della tariffa a tempo(€/ora o €/seduta) non è detto che il costo finale del tatuaggio sia inferiore: magari quello più caro ci mette metà del tempo rispetto al collega più economico a completare un braccio.
Non esiste un costo fisso per un braccio tatuato, lo stile scelto in questo caso, fa molta differenza, un tatuaggio  in nero e grigio, con ampi spazi di pelle e poche linee, sarà molto più veloce da terminare di un tatuaggio “full color” pieno di linee e di dettagli…. Ovviamente sono due cose completamente diverse.

3. LA SCELTA DEL SOGGETTO ED IL SUO EVENTUALE SIGNIFICATO
Non scegliete il soggetto che vi tatuerete su google, è una tristezza infinita, voi valete molto di più, lasciate che un artista lo disegni per voi seguendo le vostre indicazioni.


Non siate troppo attaccati al “significato” che volete rappresentare, perché il significato che volete dare ad un disegno non puó mai essere la “giustificazione” per il tatuaggio che vi farete, prima di tutto perchè non dovete giustificare a nessuno le scelte che fate sulla vostra pelle(a meno che non pensiate che il corpo è di Dio e voi lo state usurpando), decidere di tatuarsi ha già un significato nella vostra vita, è una presa di posizione, determinate la proprietà del vostro corpo, lo comunicate agli altri,  attenzione , ció che comunicate oggi sarà lì con voi anche domani,  ci vuole determinazione e sicurezza o semplice follia per farlo, il modo in cui farete la vostra scelta renderà evidente quale delle due circostanze vi descrive al meglio.
La stigmatizzazione che ha subito il tatuaggio nella storia in tutte le culture ci rende vulnerabili alla critica e ci fa spesso sentire in difetto, o superficiali perchè si sceglie una pratica considerata frivola dai suoi dileggiatori, fare qualcosa di invasivo per noi stessi, senza soddisfare un bisogno primario, ma un semplice vezzo.
In realtà la natura, la storia e l’antropologia ci dimostrano che è una pulsione del tutto naturale e fa parte del nostro desiderio di migliorarci, evolverci, in qualche modo prenderci cura di noi stessi, del dolore, della rigenerazione della nostra pelle ferita, che rinasce, possibilmente,  con un opera d’arte che ci accompagnerà finchè vivremo.

Crez.


Koji Ichimaru guest @adrenalink

20140519-184229-67349856.jpg

Oggi e domani. Fully booked kids

  • Scritto il 19 maggio 2014 alle 18:44 da Crez
  • Commenti disabilitati
  • tatuaggi

Sono più di 20 anni che lo diciamo!!!

article on The Japan Times

20140518-102119.jpg

  • Scritto il 18 maggio 2014 alle 10:21 da Crez
  • Commenti disabilitati
  • tatuaggi

Domenica 16/03

20140310-192514.jpg

  • Scritto il 10 marzo 2014 alle 19:23 da Crez
  • Commenti disabilitati
  • tatuaggi

Pronta la copertina per il libro di Crez

finalmente ho ultimato la copertina per il libro che uscirà a febbraio(speriamo)stay tuned!!!!


London Tattoo Convention

Quest’anno partecipiamo alla Convention di Londra……ci vediamo lì :-)
This year we will join the London Tattoo Convention……..see you there:-)

20130901-100253.jpg


English Version now available!

20130621-112555.jpg

English version available… Check it here!

  • Scritto il 21 maggio 2013 alle 11:26 da Crez
  • Commenti disabilitati
  • tatuaggi

Manekistefy alla Milano tattoo convention

20130115-002325.jpg

  • Scritto il 15 gennaio 2013 alle 00:21 da Manekistefy
  • Commenti disabilitati
  • tatuaggi

Padova: conferenza sul tatuaggio

Domenica 16 settembre alle ore 22.00 al
VINTAGE FESTIVAL – Palazzo S.Gaetano – Teatro/Auditorium
71 Via Altinate
35121 Padova
Crez, Annalivia Carella e Rossella Menegazzo terranno una conferenza sul tatuaggio che sarà divisa in tre parti:
1- il tatuaggio tradizionale occidentale
2- il tatuaggio tradizionale giapponese
3- relazioni tra il tatuaggio giapponese e l’arte nipponica

Per partecipare sarà necessario prenotare anche se l’evento è gratuito.
Ecco un riassunto:

MADE IN INK
Orario: dalle 22.00 alle 23.00

Dalle radici e i simboli tradizionali alle meraviglie dell’ horimono, svelando il senso profondo di una pratica ormai apprezzata in tutto il mondo ,e decriptando la realtà di un’iconografia dall’altissimo valore artistico e culturale.

LINK PRENOTAZIONI TICKET:
(posti limitati – ingresso gratuito)
http://crez.eventbrite.it/

(continua…)


Kingyo Goldfish

Assieme alle carpe “Koi” anche i “Kingyo” spesso entrano a far parte dell’immaginario de tatuaggio giapponese, ecco un video che vi farà vedere quante tipologie ne esistono…..



Adrenlink Tattooing Marghera

Home Studio Orario Gallerie Faq Contatti
Blog Crez Manekistefy Rio Shop

Crediti
Privacy