Adrenalink Tattoo

Tatuaggi dal 1993 a Venezia
Archivio articoli per categoria

Arte

“FEMALE FIGURE IN JAPANESE FOLKLORE” exhibition in Dusseldorf by Manekistefy

Sabato 25 Giugno 2016 alle 19.00 inaugura la mostra di Manekistefy alla galleria 1900 , Düsseldorf (DE),  Ellerstrasse 155,

Questa mostra è stata ideata come percorso attraverso il folklore e le regioni giapponesi scoprendo, tramite dipinti, le varie figure femminili protagoniste della storia, delle fiabe, delle religioni e della tradizione del sol levante, sopratutto nei paesi occidentali, se si pensa alla donna in Giappone nella storia la si associa con facilità alla figura della cortigiana e della geisha tralasciando un intero universo di personaggi rappresentativi e importanti per la cultura nipponica.

Se siete nei paraggi Sabato 25 Giugno vale la pena fare un salto, sennò attendete il prossimo post sul nostro web site, o seguite nei social MANEKISTEFY:
INSTAGRAM: manekistefy_adrenalink
FACEBOOK: manekistefy.adrenalink

BIOGRAFIA MANEKISTEFY:
Socia dello studio Adrenalink Tattooing di Marghera dal 1997, Stefania Cagnin alias Manekistefy inizia a tatuare nel 2001.
Appassionata da sempre di cultura giapponese, dal 2003 viaggia di frequente verso l’isola nipponica per studio e curiosità, apprendendo e praticando lo stile del tatuaggio tradizionale giapponese e quello Kawaii, più spensierato.
Ha partecipato e collaborato a numerose mostre come “Animals” a Venezia, ” Sante Peccatrici” a Roma e “Girls Girls Girls”
a New York oltre a varie conferenze incentrate sul tatuaggio giapponese e la sua storia.

“Mi piace lasciarmi incantare dall’illustrazione: l’impatto che ti regala e la potenza che una bella immagine ti spingono a desiderarla ed ecco che con il tatuaggio diventa ancor più tua”


INTERVISTA CON VIOLA PILAR BEA SULLA MOSTRA “NERO- the flexibility of black”

Di recente il famoso blog inglese ” th-ink ” ha pubblicato una breve intervista fatta da Ilaria Pauletti a Viola Pilar Bea (Tatuatrice e curatrice) per parlare della mostra “NERO - the flexibility of black” presentata il 5 Maggio 2016 alla galleria Parione 9, Roma.
All’interno della mostra potete trovare le opere di diciannove maestri tatuatori provenienti dal Giappone, Stati Uniti ed Europa, tra cui i nostri resident CREZ, MANEKISTEFY, RIO e DIEGOKNORE, accomunati tutti dall’uso del colore nero;  le opere sono state realizzate su vari supporti con tecniche diverse.

“Il Nero è la somma dei colori dello specchio cromatico, nel suo assoluto troviamo un carattere duttile e nella sua drammaticità scopriamo l’enigma della poesia. Negli ultimi anni, nel mondo del tatuaggio, il colore nero ha acquisito un ruolo di rilievo e ne troviamo una sua affascinante applicazione in differenti stili: dal giapponese al tradizionale americano, dal geometrico al classico figurativo fino ad arrivare alle più estreme sperimentazioni come, ad esempio, il decorativo indiano o l’ immaginario dark/alchemico.” (Viola Von Hell)

Godetevi L’intervista.

http://www.th-ink.co.uk/2016/05/27/exhibition-nero-the-flexibility-of-black/


KIZUNA, la notte della solidarietà

Questa sera, Sabato 28 novembre 2015, presso il Palazzetto dello Sport di Dolo, dalle ore 20:30,
si terrà un evento benefico,di musica e Arti Marziali, a favore delle popolazioni colpite della Riviera del brenta,
dal tornado del 8 di luglio : Kizuna, la notte della solidarietà.

PER NON DIMENTICARE!!
Dopo la giornata “STILL STANDING”  lo staff di Adrenalink sarà presente alla manifestazione con tutto il nostro merchandising:TAVOLE ORIGINALI, STAMPE, T-SHIRT. L’intero incasso, derivante dalle libere offerte, sarà devoluto a favore di tale iniziativa. Ingresso libero. Per saperne di più: EVENTO IN FACEBOOK

https://www.facebook.com/events/453080778150056/


CONFERENZA AL CHIETO VIVERE CON CREZ

Salvatevi la data: DOMENICA 6 DICEMBRE dalle 18.00 si terrà la conferenza ” il tatuaggio: dall’oriente all’occidente” con relatore Massimilano “Crez” Freguja. NON MANCATE!!

DOVE

Nella stupenda location “CHIETO VIVERE” famoso circolo enogastronimico vegan, dove un gruppo di persone condividono l’interesse per la diffusione e la pratica della filosofia della non violenza. Il rispetto degli animali, della natura e della vita sono l’aspetto principale delle attività del Club.

Situato in un magnifico contesto naturale sul Montello, tra doline carsiche e boschi, dove poter entrare in contatto con la magica energia che il paesaggio dona.
Per la precisione potete trovarlo in via General Vittorio Fiorone 66, Montebelluna, Treviso, per qualsiasi info potete chiamare il numero:0423 1995596 o inviare una mail a: info@chietovivere.it

TEMA

Un viaggio Onirico dall’Oriente all’ Occidente all’interno della storia del tatuaggio moderno e antico attraverso fotografie e documenti d’epoca.

Relatore: Massimiliano “Crez” Freguja, Adrenalink Tattoing, Marghera – noto tatuatore professionista, ha lavorato in diversi Paesi d’Europa ed è specializzato in Horimono, l’arte tradizionale del tatuaggio giapponese, appresa in Giappone in dieci anni di trasferte di lavoro e studio.

INFO E COSTI
L’ingresso è riservato ai soci del club (costo quota associativa 5€) e il costo per la conferenza è di 20€.
I posti sono limitati, è necessario prenotare a info@chietovivere.it.

Per chi lo desidera dopo la conferenza è possibile fermarsi a cena (è gradita la prenotazione).

PER SAPERNE DI PIU’ cliccate sull’evento in facebook

https://www.facebook.com/chietovivere/?fref=ts

http://www.chietovivere.it/

  • Scritto il 20 novembre 2015 alle 15:23 da Kaya
  • Commenti disabilitati
  • Arte Crez Storia

THE WORLD ATLAS OF TATTOO

Siamo molto orgogliosi, Crez è stato scelto da Anna Felicity Friedman tra i 100 artisti provenienti da tutto il mondo, nel libro “the world atlas of tattoo” di Yale Press prefazione di James Elkins.

L’arte e la Pratica del tatuaggio hanno visto cambiamenti radicali nel 21 ° secolo.
un esponenziale numero di tatuatori è stato prezioso recuperando le tradizioni passate con le nuove tecnologie.
Un’ enorme diversità di stili, generi e tecniche è emersa, andando dalla “blackwork” geometrico allo stile pittorico, dall ”hand pockink” alla “tattoo machine”.
Con oltre 700 splendide illustrazioni a colori, questo volume considera pratiche storiche e contemporanee del tatuaggio in Europa, Americhe, Medio Oriente, Nord e Sud Africa, Asia, Australia e le isole del Pacifico. Ogni sezione, dedicata ad una regione geografica specifica, presenta un avvincente testo, scritto da esperti del tatuaggio che esplora la storia e le tradizioni di quella zona, così come gli stili e le tendenze.
“the World Atlas of tattoo” traccia anche l’evoluzione degli stili, dagli indigene nativi ai coloni, dove spesso si trasformano in concetti ibridi, creativi o multiculturali.
Il lavoro di 100 artisti da tutto il mondo è racchiuso in questo volume .

Anna Felicity Friedman è una curatrice e una studiosa interdisciplinare

www.tattoohistorian.com

James Elkins ha una cattedra in Teoria e Critica della storia dell’arte alla School of the Art Institute of Chicago.

-

We are very proud Crez has been selected by Anna Felicity Friedman between the 100 artists from all over the world to be featured in the World Atlas of tattoo by Yale Press foreword by James Elkins.

Tattoo art and practice has seen radical changes in the 21st century, as its popularity has exploded.
An expanding number of tattoo artists have been mining the past for lost traditions and innovating with new technology.
An enormous diversity of styles, genres, and techniques has emerged, ranging from geometric blackwork to vibrant, painterly styles, and from hand-tattooed works to machine-produced designs.
With over 700 stunning color illustrations, this volume considers historical and contemporary tattoo practices in Europe,
the Americas, the Middle East, North and Sub-Saharan Africa, Asia, Australia, and the Pacific Islands. Each section, dedicated to a specific geographic region,
features fascinating text by tattoo experts that explores the history and traditions native to that area as well as current styles
and trends.
The World Atlas of Tattoo also tracks the movement of styles from their indigenous settings to diasporic communities,
where they have often been transformed into creative, multicultural, hybrid designs. The work of 100 notable artists from around the globe is showcased in this definitive reference on a widespread and intriguing art practice.

Anna Felicity Friedman is an interdisciplinary scholar and curator, whose social media platforms include

tattoohistorian.com

James Elkins is E. C. Chadbourne Chair of Art History, Theory, and Criticism at the School of the Art Institute of Chicago.

  • Scritto il 23 ottobre 2015 alle 18:32 da Kaya
  • Commenti disabilitati
  • Arte Crez tattoo

ADRENALINK CREW IN LONDON TATTOO CONVENTION 2015

In occasione della presentazione del libro / evento del 2015 “the missing heroes” edito da miki Vialetto, nel quale, trenta tra i migliori Tatuatori del mondo sono stati chiamati da Crez & Manekistefy a finire il lavoro di Totoya Hokkei (1780-1850) apprendista di Katsushika Hokusai (1760 1849).
Crez & Manekistefy si sono esibiti in una performance live painting durante i tre giorni della London Tattoo Convention,25,26,27 Settembre 2015.
Ecco a voi le foto!!

-

In occasion of the 2015 book / event presentation “the missing heroes” published by Miki Vialetto.
thirty of the best tattoo artists in the world have been called by Crez & Manekistefy to finish the work of Totoya Hokkei (1780-1850) apprentice of Katsushika Hokusai (1760 1849).
Crez & Manekistefy performed in a live painting during the three days of the London Tattoo Convention 2015, September, 25,26,27.
Enjoy the photos!!


Intervista a Horinao di CatClaw Tattoo

Riprendiamo in questo post un articolo pubblicato su Tattoo Energy num. 57 a cura di Crez. Buona lettura.

Un incontro d’eccezione quello con Horinao e Ritsu, rispettivamente fondatore e assistente del CatClaw Tattoo. Lo studio di Kyoto è diventato notissimo in Giappone (e non solo) per il suo stile incredibilmente preciso e dettagliato e per la sensibile commistione che propone soggetti tradizionali nipponici ed old school americano. Bellissime geishe che diventano sensuali pin ups e animali tipicamente “made in usa” che mutano le loro sembianze in quelle di un manga su pelle.
Ma quella del Catclaw è anche la storia di uno studio nato praticamente dal nulla e cresciuto solo grazie alla forza di volontà e al talento degli artisti che lo hanno animato in questi anni. Horinao in testa.
In quest’intervista rilasciata dagli stessi Horinao e Ritsu – nello studio lavora anche Hiro e la shop manager Yuki – a Crez dell’Adrenalink Tattoo di Marghera per Tattoo Energy, ripercorriamo le tappe della loro avventura.

HORINAO
QUANDO HAI COMINCIATO A TATUARE? E COME È SUCCESSO?
Ho iniziato nel 1992 e sono stato sostanzialmente un autodidatta. Prima mi sono fatto tatuare da Horiwaka II di Shiga, ma poi il mio interesse per il tatuaggio è crescluto fino a che non ho iniziato a montare degli aghi per tebori che ho provato direttamente su di me. In quegli anni lavoravo alle bancarelle che vendono cibo e l’ambiente era piuttosto “stradaiolo” per cui i tatuaggi non erano un problema.

DAL LONTANO 1992, COME SEI ARRIVATO AD APRIRE IL TUO SHOP?
All’inizio, ovviamente, il lavoro scarseggiava. Poco alta volta, mi sono creato una clientela e quello che all’inizio era più che altro un hobby, si è trasformato in un secondo lavoro. Dopo qualche tempo ho re-incontrato un veccho conoscente che tatuava in uno studio di Kyoto, il GM Tattoo – che ora non c’è più – e che mi ha invitato a lavorare part-time con lui. Ho colto la palla al balzo ed ho inziato da subito a tatuare con le macchinette, mentre continuavo a lavorare a tebori solo su specifica richiesta. Adesso ho smesso completamente: le macchinette si adattano di più allo stile che faccio. Il lavoro cresceva costantemente ed allora ho smesso di lavorare alte bancarelle. In seguito ho conosciuto Madoka, che oggi è mia moglie. Sentivamo il bisogno di aprire uno studio tutto nostro e così nel 2000 abbiamo cercato uno spazio da affittare.

IN QUESTI OTTO ANNI, HAI LAVORATO SOLO IN GIAPPONE O HAI ANCHE VIAGGIATO?
Ho viaggiato molto: sono stato in Messico, in Francia, in Italia e come guest artist al West Side Tattoo in Australia.
Posso dire che mi è servito tantissimo per fare esperienza e vedere come si gestisce uno studio.

CATCLAW HA UNO STILE INCONFONDIBILE. COME LO HAI SVILUPPATO E SEI ARRIVATO AI RISULTATI ATTUALI?
Sono sempre stato un appassionato dello stile classico “horimono”, ma mi è anche sempre piaciuto molto il tradilional deglli anni ’50. Disegnando e ridisegnando, i due stili si sono fusi autonomamente; è stata una cosa spontanea, ma poi ho continuato e continuo a ricercare in questa direzione, mescolando iconografie occidentali con soggetti classici del mio paese.

CHE TIPO DI LAVORI PREFERISCI ESEGUIRE?
Prediligo i lavori grossi come schiene o braccia intere.

TU E MADOKA AVETE ANCHE ORGANIZZATO LA CONVENTION DI KYOTO NEL 2001. COM’E’ ANDATA?
Dell’organizzazione se ne è occupata quasi completamente Madoka, ed è stata molto dura. E’ stata una delle poche convention internazionali in Giappone, dove di solito si organizzano degli eventi locali di una giornata chiamati “tattoo event”. E’ stato molto divertente e forse in futuro ne organizzeremo un’altra.

COME SI LAVORA AL CATCLAW?
I tatuatori si occupano solo dei tatuaggi. Tutto l’aspetto organizzativo è seguito da Madoka e Yumi, così è più facile focalizzarsi solo sul disegno ed i tatuaggi. Se dovessimo invece accogliere i clienti, rispondere al telefono, fare gli ordini, etc. sarebbe piuttosto dura.

AVETE SPESSO DEI GUEST ARTIST. NE VUOI PARLARE?
Si, sono venuti a lavorare qui: Mr. Cartoon da Los Angeles con il suo stile chicano, Lucky Bastard un tatuatore californiano che fa old school, Charly Roberts dello Spotlight Tattoo Los Angeles, Permanent Mark di Hanky Panky Tattoo e poi Clay Decker, Adam del Westside Tattoo di Brisbane e adesso ci siete tu e Manekistefy dell’Adrenalink Tattoo dall’Italia. Dal Giappone sono passati di qui Takami del Knockover Decorate Tattoo e Hata dell’Inkrat Tattoo. Avere ospiti è sempre stato un piacere, anche perchè ospitiamo solo i nostri amici e si crea subito un’ottima sintonia, per cui si lavora e ci si diverte insieme.

Fine prima parte…

  • Scritto il 21 ottobre 2014 alle 11:12 da webmaster
  • Commenti disabilitati
  • Arte tattoo tatuaggi

Japan Night

Com’era quel discorso che il martedì è il nuovo venerdì? Ah no forse è il giovedì il nuovo venerdì… beh poco importa perchè martedì 15 aprile c’è una super serata organizzata da noi dell’Adrenalink in collaborazione con il pub Marciano a Marghera: “Japan Night” una serata dedicata al Giappone.
Dalle 20.00 tutti al pub, il Marciano appunto che si trova in via Rossarol 7 a Marghera, con: tatuaggi, birra, cibo e musica tutto in stile giapponese! Ci sarà anche un fantastico spettacolo di Drag Queen con Ariel Drag… non puoi mancare!

Ci si vede al pub!


Influenzare il linguaggio contemporaneo

Vanity Fair Decades – The 1940′s from Drew Christie on Vimeo.

Ne avevo auto la riprova durante la scorsa tattoo Convention di Londra, oramai il tatuaggio é parte integrante della comunicazione e la influenza sostanzialmente, la grafica, la moda il design si ispirano radicalmente al lavoro di tatuatori, che dire…. È una bella soddisfazione!


Daruma

Oggi ho disegnato una bambola giapponese portafortuna che si chiama Daruma e ho     pensato fosse interessante ricordarne il significato. Di solito viene raffigurata con una forma ovale, ma questa volta ho deciso di cambiare e darle la forma di una bottiglia di sakè.

Daruma, ossia Bodhidharma, fu il monaco buddista che dall’ India portò il buddismo Zen in Giappone passando per la Cina.

La leggenda narra che meditò per nove anni e per questo perse l’uso delle gambe, ecco perchè viene sempre raffigurato senza gli arti. Si racconta che le sue palpebre hanno dato origine alle foglie di tè.

Nella pittura a colori è sempre raffigurato con un manto rosso, ma le bambole possono essere di diversi colori.

Al momento dell’ acquisto la bambola è senza le pupille, la ragione è  divertente e dà l’ idea del rapporto  tra i giapponesi e la religione: si può esprimere un desiderio disegnandogli un occhio, quando, e se, il desiderio si avvererà si potrà aggiungere il secondo.

Manekistefy.



Adrenlink Tattooing Marghera

Home Studio Orario Gallerie Faq Contatti
Blog Crez Manekistefy Rio Shop

Crediti
Privacy